Ormai... non lo capisco

 

“Ormai, ormai, ormai, ormai...”... è una tristissima canzone melodica italiana? No, sfortunatamente: è una ripetizione ossessiva, fatta in classe da un gruppo di studenti che cerca di farsi entrare in testa questo avverbio. Ma la ripetizione è inutile; gli studenti non riescono a impararlo. Perché “ormai” non esiste in diverse altre lingue, per esempio in inglese: per dire: “ormai sono sposata, dimenticami” devo aggiungere un’intera proposizione: “I’m married now, forget me, because it’s too late”.

Quindi, cosa significa veramente “ormai”?

Questo avverbio di tempo (che ha un sinonimo meno frequente e di registro più alto: “oramai”) serve a collocare qualcosa definitivamente nel passato, escludendolo dalla sfera del presente, senza alcuna speranza che la situazione possa cambiare, che ci sia data una seconda possibilità.

Ad esempio, nella frase “ho perso gli occhiali” il passato può ancora essere cancellato: infatti sto continuando a cercarli e, se li troverò, non sarà più vero che li ho persi. Ma se dico: “ormai li ho persi”, tutto quello che potrò fare sarà di comprarne un nuovo paio: il fatto che “li ho persi” sarà definitivamente successo, sarà per sempre nel passato, sarà vero per sempre.

 

DUE ESERCIZI CON “ORMAI”

 

1 - Inserisci “ormai” negli spazi vuoti (ma non in tutti gli spazi vuoti):

 

- Vivo in Brasile da [...........] dieci anni. All’inizio non sopportavo la samba, ma [.........] mi ci sono abituato.

 

- Caro! Sposiamoci [...........], ti prego!

Mi dispiace, cara, ma [...........] non ti amo più.

 

- Andiamo al cinema stasera [...........]?

No, [...........] è tardi. L’ultimo spettacolo è iniziato [...........].

 

- Non c’è più tempo [...........]. Dobbiamo andare.

 

- Sei un vecchio [...........]. Tutti, [...........], ti lasciano il posto a sedere sull’autobus.

 

- Usciamo di casa [...........]. La tempesta è finita [...........].

 

2 - Inserisci un “ormai” in ciascuna delle seguenti frasi, nel punto che pensi sia giusto (in alcuni casi, ci sono più “punti giusti” possibili). Attenzione: in quattro frasi, non è possibile usare “ormai”:

 

- non mi ricordo neanche come mi chiamo;

 

- questa birra è veramente buona;

 

- il Sole sorge a est e tramonta a ovest;

 

- il clima italiano è cambiato;

 

- il Brasile è a sud degli Stati Uniti;

 

- non è più il tempo di giocare. Siamo grandi;

 

- non sei più un bambino; comportati da adulto;

 

- la Luna orbita intorno alla Terra.

 

Vuoi sapere se hai fatto bene gli esercizi? Scrivimi a: italianalinguaecultura@gmail.com


Desideri maggiori informazioni su Ormai... non lo capisco ?

Compila il modulo, riceverai presto una risposta.

 
This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

Insights scorci culturali