Controcorrente, ma veramente

Negli anni Settanta, un periodo che vede emergere, in Italia e non solo, molti “cantautori” (vedi l'introduzione) politicamente impegnati, Edoardo Bennato esprime il suo amore per la musica proveniente dagli U.S.A., rifiuta i ruoli prestabiliti e, senza darsi arie da intellettuale, ridefinisce in maniera intellettualmente più onesta i termini del rapporto tra un artista e i problemi della comunità.

La sua “Arrivano i buoni” (1974, Ricordi) ci invita a non fidarci di quei gruppi di uomini politici che si presentano con un grande progetto di completa rivoluzione sociale e con la supponenza di chi si ritiene moralmente superiore agli altri.    

Esercita il tuo italiano con questa attività di livello intermedio oppure con questa di livello più avanzato. Cerca l’audio su YouTube e leggi il testo a seguire:

 

Arrivano i buoni

arrivano, arrivano

finalmente hanno capito che qualcosa qui non va.

 

Arrivano i buoni

e dicono basta

a tutte le ingiustizie che finora hanno afflitto l’umanità.

 

Arrivano i buoni

arrivano, arrivano

finalmente una nuova era comincerà.

 

Quanti sbagli, quanti errori, quante guerre e distruzioni

ma finalmente una nuova era comincerà.

 

E senza servi né padroni

senza guardie ed assassini

d’ora in poi, tutti uguali!

Una nuova era, per l’umanità.

 

Arrivano i buoni

ed hanno le idee chiare,

ed hanno già fatto un elenco di tutti i cattivi da eliminar.

 

Ma chi l’avrebbe mai detto

che erano così tanti i cattivi da eliminar?

Così adesso i buoni hanno fatto una guerra contro i cattivi

però hanno assicurato, che “è l’ultima guerra che si farà”.

 

Arrivano i buoni

arrivano, arrivano:

finalmente una nuova era

comincerà.

 

www.italianalingua.it


Desideri maggiori informazioni su Controcorrente, ma veramente ?

Compila il modulo, riceverai presto una risposta.

This is a captcha-picture. It is used to prevent mass-access by robots. (see: www.captcha.net)

L'italiano con la musica